martedì 30 settembre 2008

La bici sotto il vulcano: Orazio di Grazia



Oggi vi racconto di un vecchietto molto famoso nella provincia di Catania un simbolo indiscusso del legame uomo e bicicletta, quest' anziano signore ottantacinquenne si chiama Orazio di Grazia ed ogni tardo pomeriggio percorre la tratta Catania Ognina- Nicolosi (700 metri di dislivello per oltre 16 km di lunghezza in salita) a piedi portando con se un carico (soprattutto alimenti) sopra la sua bicicletta.

Io lo vedo da quand'ero piccolo passando in auto con la famiglia da via Gramisci per andare a Mascalucia, non ho mai saputo la storia di questo signore ma finalmente qualcuno, Alessandro Marinaro, ha pensato di fare un bel documentario su questa leggenda vivente che ogni giorno, anche con la pioggia, percorre 4-5 ore di salita in compagnia della sua bicicletta per tornare nel suo umile rudere. Il documentario si chiama "La bici Sotto il Vulcano".

Orazio nel documentario ha raccontato anche il suo amore per una giovane fanciulla, di nome Graziella (poteva mai chiamarsi diversamente?), la quale fu costretta dal padre a sposare un ricco cugino dopo aver saputo da lui che Orazio era morto in Iugoslavia durante la seconda guerra mondiale, quando Orazio rientrò al suo paese trovando Graziella maritata lei per il dispiacere non mangiò più fino a morire. Da allora per Orazio la bicicletta fu la sua compagna di vita, una storia che sembrerebbe presa da un romanzo.

Di Grazia non si è mai sposato ed a volte è stato anche investito da alcune automobili che l'hanno portato dritto dritto in ospedale ma lui imperterrito continua giornalmente la solita tratta.

Quanti ti voi riuscirebbero a fare quello che fa Orazio? Tutta quella salita con circa 30 Kg di peso ogni giorno anche sulla pioggia, sicuramente anche tra i più giovani qualcuno si arrenderebbe prima di arrivare a Nicolosi mentre Di Grazia alla veneranda età di 85 anni ancora riesce a farlo, forse anche merito di una vita vissuta sempre in sella e senza mai un giorno privo di sacrifici, una persona da ammirare che ha sicuramente contribuito a far conoscere la bicicletta come mezzo di trasporto a centinaia di migliaia di persone catanesi (nei paesi etnei si usa veramente pochissimo ma pian piano i ciclisti stanno aumentando).

Anche la mia stessa passione per la bicicletta in parte mi è stata trasmessa da lui
, fin da bambino vedendolo mi dicevo sempre che un giorno avrei fatto anch' io quella tratta in bicicletta.

Grazie Orazio sei un grande!

In alto trovate un servizio su di lui dove troverete ulteriori informazioni.

P.S. Io non ho visto questo documentario, mi piacerebbe tantissimo vederlo, se qualcuno sa come poterlo visionare lasci un commento, grazie.

P.P.S. Vi ricordo la mia iniziativa per diffondere la bicicletta come mezzo di trasporto tramite i siti e blog:
USA LA BICI

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi chiamo Fabrizio e sono il montatore del suddetto documentario, lavoro con Alessandro da anni, al più presto organizzeremo una proiezione del documentario.
Vi farò sapere.

Alessio ha detto...

Grazie mille Fabrizio non vedo l'ora di vederlo!

Leandro ha detto...

Orazio Di Grazia è morto, la notizia mi è arrivata ieri... Sul mio blog non ho potuto fare a meno di ricopiare questo splendido post, spero che non ve ne abbiate a male (nel caso lascio solo il link) http://095.bloglist.it/2008/11/06/orazio-di-grazia-aveva-85-anni-ed-era-un-mito-catanese/

salvo.meccia@hotmail.it ha detto...

vorrei davvero tanto poter vedere il documentario...se sapete come fare contattatemi...vi ringrazio anticipatamente...

buone pedalate lassù...

djjeck ha detto...

A breve ci saranno due proiezioni del documentario:

http://alessios4.blogspot.com/2008/12/proiezioni-di-la-bici-sotto-il-vulcano.html

alessandro ha detto...

salve,
mi chiamo Alessandro e vivo a Catania. Ho sempre visto questo vecchietto tra le strade dei paesi etnei.

Dove potrei recuperare il documentario?

grazie